STOCCAFISSO NORVEGESE CON ASPARAGI E PANCETTA AL MARTINI

La primavera è in arrivo e come tutti i cambi di stagione anche il passaggio dall’inverno si fa sentire: gli equilibri della routine quotidiana subiscono inevitabilmente dei cambiamenti che rendono più difficili la gestione delle giornate e gli impegni di tutti i giorni.

Come affrontare quindi al meglio questo momento dell’anno? Oltre naturalmente a mantenere allenato il nostro corpo con l’attività fisica che favorisce anche il benessere psicofisico, è importante cambiare le proprie abitudini a tavola, scegliendo alimenti con vitamine e valori nutrizionali adeguati a gestire al meglio il passaggio dalla stagione fredda a quella più calda.

Lo stoccafisso norvegese, presente nella cucina italiana ormai da più di 500 anni,è quell’alimentosano e dal sapore unico ideale da cucinare in questo periodo. Molto apprezzato per le sue proprietà nutritive – è infatti ricco di proteine, ferro, vitamina D e B12 - e per essere un perfetto alleato per un’alimentazione sana e sostenibile.

La Norvegia - e le Isole Lofoten in particolare - è l’unica produttrice al mondo di stoccafisso, il migliore presente sul mercato, un prodotto sano e sostenibile. Lo stoccafisso norvegese infatti – insieme al baccalà – è realizzato con risorse al 100% naturali ed è stata adottata una politica di produzione zero scarti: tutte le parti del pesce scartate nel processo di produzione vengono impiegate per realizzare altri prodotti alimentari.

Questi valori sono garantiti dal marchio “Seafood From Norway” che rappresenta il simbolo di origine e qualità di tutti i prodotti ittici norvegesi sia pescati che allevati in maniera sostenibile nelle acque fredde e limpide della Norvegia, grazie all’esperienza secolare nella pesca e nella lavorazione del pesce unita alle tecnologie più moderne.

Il gusto inimitabile che contraddistingue lo stoccafisso norvegese è, infatti, il risultato di un processo di lavorazione davvero unico e naturale. Viene prodotto principalmente dallo skrei - il merluzzo artico stagionale – che viene pescato al di sopra del circolo polare artico tra febbraio e aprile. In questi mesi il merluzzo artico norvegese lascia il solito habitat nel Mare di Barents per arrivare alle Isole Lofoten dove depone le uova. In questo periodo le temperature e il giusto equilibrio di vento, sole e pioggia rendono quest'area perfetta per far essiccare il merluzzo all'aperto su apposite rastrelliere lungo la costa. È quindi proprio la natura a trasformare questo pesce incredibile in uno stoccafisso davvero unico e di alta qualità.

In Italia esistono mille modi diversi per gustare lo stoccafisso, che oggi si trova sul mercato sia essiccato sia ammollato, quindi pronto da cucinare. Prima di essere cucinato, infatti lo stoccafisso va messo in ammollo in acqua corrente. Questa fase di reidratazione è fondamentale per fargli riacquistare peso – che aumenta di 3-4 volte rispetto a quello del prodotto secco – e ridargli le caratteristiche ideali per essere cucinato.

Scopriamo qui una nuova ricetta firmata dagli Ambasciatori dello stoccafisso norvegese, coloro che attraverso la propria cucina hanno saputo esprimere l’essenza di un ingrediente storico che unisce Norvegia e Italia da secoli:

·         Stoccafisso norvegese con asparagi e pancetta al Martini dello chef Franco Favaretto

·         Insalata di stoccafisso norvegese, ceci e pomodorini confit degli chef Antonio Chemello e Luca Bedin

 

STOCCAFISSO NORVEGESE CON ASPARAGI E PANCETTA AL MARTINI

Ingredienti per 4 persone

  • 600gdi stoccafisso di Norvegia già ammollato
  • 400gdi asparagi verdi
  • 200gdi pancetta affumicata
  • 250mldi panna fresca
  • 1bicchiere di Martini dry o Vermouth
  • 50gprezzemolo tritato
  • 3scalogni
  • 1foglia dialloro
  • 1/2 limone
  • olio extra vergine d'oliva
  • sale e pepe

Procedimento

  • Mettere lo stoccafisso in una pentola con la foglia di alloro, mezzo limone e un pugno di sale, coprire il tutto con acqua fredda portando ad ebollizione, poi continuare la cottura per 15 minuti.
  • Lasciar riposare per 15 minuti a fuoco spento, poi scolare tenendo un bicchiere di acqua di cottura.
  • Soffriggere gli scalogni assieme alla pancetta tagliata a cubetti e sfumarli con il Martini dry.
  • Aggiungere asparagi e prezzemolo, lo stoccafisso e la sua acqua di cottura.
  • Dopo 5 minuti, unire la panna, concludere la cottura per altri 5 minuti e impiattare.