MILANO, SILVIA AMODIO: “L’ARTE DEL RITRATTO”

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Cultura Spettacoli Locali
Pubblicato 03 Dicembre 2017
Stampa

È stata inaugurata presso la galleria SPAZIOKAPPA32 (via Kramer 32, Milano), la mostra  “L’ARTE DEL RITRATTO”, fotografie di Silvia Amodio, in programma fino al 15 dicembre 2017.

Solo un fotografo dotato di consapevolezza critica sa andare alla ricerca della personalità autentica di chi gli sta di fronte guidato dalla determinazione dell’attento regista e dalla sensibilità di chi sa esplorare gli animi con tutta la delicatezza necessaria. Silvia Amodio padroneggia entrambe queste capacità, come le sue opere stanno a testimoniare. La fotografa sceglie ambienti essenziali, quando è in studio posiziona le luci in modo che appaiano del tutto naturali, altrimenti lavora in esterni offrendo però sempre ai soggetti una dimensione che li fa sentire a proprio agio: stagliati su uno sfondo neutro, chiede loro semplicemente di essere se stessi. Questo perché usa il ritratto per affrontare temi complessi e difficili: i problemi delle persone affette da albinismo, la malnutrizione in Burkina Faso, il lavoro minorile in Perù, la diffusione dell’aids in Sud Africa. L’autrice non ricorrere a immagini drammatiche o moralmente ricattatorie. Etica ed estetica si sposano in un esito che restituisce dignità ai suoi soggetti, mentre quando indaga sul rapporto fra i cani e i loro padroni usa la fotografia per realizzare una ricerca sociale e antropologica. Proveniente dall’Archivio della Fondazione 3M, che per l’occasione presenterà il suo calendario annuale realizzato con queste fotografie, “L’arte del ritratto” è una mostra che sa rapportarsi con la realtà e l’attualità: il giorno dell’inaugurazione è, infatti, anche quello della giornata mondiale per la lotta contro l’Aids. Questa esposizione vuole far riflettere sulle diverse condizioni umane e riportare l’attenzione su un’epidemia quella dell’ Hiv di cui negli ultimi anni si parla troppo poco.