Il nuovo

concetto

di attualità

TamTamNews
SCOPRIMILANO
Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Moda Tendenze
Pubblicato 22 Febbraio 2018
Stampa

 

La nuova collezione Moschino vede Jeremy Scott avventurarsi nell'Area 51 per tradurre la teoria della cospirazione nella pratica della moda. Cosa accadrebbe se gli extraterrestri fossero davvero presenti tra noi? E se Marilyn Monroe fosse stata realmente messa a tacere dai federali per non far trapelare indiscrezioni su ciò che JFK le confidò sull’incidente Roswell? E poi - respiro profondo - Jackie O non era troppo perfetta per essere umana???

 

Il mondo parallelo del paranormale viene declinato da Scott per presentare una collezione così reale da irreale. Il primo contatto arriva attraverso una serie di abiti e look “out of this world” che mescolano il daywear di metà secolo con lo stile e le zip dell'iconica biker jacket di Moschino.

I colori sono brillanti e saturi: Scott oltrepassa i confini del Pantone per scoprire forti sfumature ormai quasi dimenticate. Alcuni look sono caratterizzati da ampie strisce verticali, altri da tocchi di vernice, mentre gli outfit d’ispirazione sportiva sono declinati in tre diverse tonalità di tessuto broccato zig-zag di lurex. Una stampa foulard, ripresa dall’archivio del brand, è rivisitata con pois pixelati. Vediamo una Venere in finta pelliccia. Tutto è perfettamente coordinato. È una donna favolosa – e viene da una realtà parallela!

 

Un’ulteriore scossa proviene dalla capsule collection di questa stagione, realizzata in collaborazione con il talentuoso artista australiano Ben Frost. Le sue immagini iper-stilizzate di "perfezione" femminile si mixano con le confezioni dei prodotti con cui ci auto-medichiamo nell’era del consumismo, creando collage che sono perfetti sulle borsette, sugli abiti girlish, sulle imperdibili cover per cellulare e su altri pezzi “buy now”!

 

Dal daywear orbitiamo verso l’universo dell’eveningwear. Sfilano abiti da sirena e smoking tagliati, sminuzzati, risultato della collisione tra mix di metallerie, paillettes, cristalli e sete. Lo stile da diva dell’incredibilmente glamorous Vecchia Hollywood incontra il rosa shocking di Marilyn Monroe ma anche i look di un’epoca successiva, più consapevole - come se qualche nuovo arrivato avesse elaborato l'intera storia del red-carpet dell'umanità ad un’ipervelocità attraverso cui appare solo il meglio.

Questi look sono adatti ad una stella che viene dalle stelle. Plan Nine from outer space. La verità? È la fuori! Credeteci.

 

 

Hair by: Paul Hanlon at Julian Watson Agency

Makeup creative direction by: Kabuki and the  PRO team

Head of painting by: Pablo Rodriguez @ CLM Hair & Makeup and the  PRO team

Stylist: Carlyne Cerf De Dudzeele

Music: Michel Gaubert

Casting Director: Piergiorgio Del Moro and Samuel Ellis Scheinman

Nails by: Essie

Eyewear: Safilo

Production: Random Production