Il nuovo

concetto

di attualità

TamTamNews
SCOPRIMILANO
Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: FOCUS
Pubblicato 20 Maggio 2018
Stampa

La natura ti rivuole, anche in bici: 20'000 km di itinerari per esplorare un territorio pieno di sorprese.

Ecologica. Salutare. Di tendenza. La campagna estiva 2018 di Svizzera Turismo punta sullabicicletta, una passione che coinvolge sempre più persone.Un turista su cinque sceglie le due ruote durante la bella stagione. Bici da corsa, mountain bike, e-bike, itinerari cicloturistici: le possibilità e le offerte a misura di ciclista sono inesauribili e in continua evoluzione. Da quest’anno ci sono gli eventi Ride The Alps per arrampicarsi sui leggendari passi alpiniin giornate riservate ai ciclisti.

Abbandonate l’auto o voi ch’entrate… Per valli e per monti in bici da corsa, su single trail di ogni livello in mountain-bike, costeggiando fiumi e laghi o attraversando borghi da cartolina in bici e in e-bike: la Svizzera è un paradiso per chi sceglie le due ruote.

La bicicletta, in tutte le sue varianti, permette di scoprire un’incredibile varietà di paesaggi fatti di maestose cime, dolci colline e ampie pianure costellate da villaggi autentici e vivaci città. Ci sono percorsi per ogni condizione fisica e per ogni tipologia di ciclista: dal cicloturista al patito di gran fondo che sfida la sua tenaciaaffrontando salite impegnative.

Accogliendo la richiesta di un pubblico meno sportivo, sono stati ideati degli itinerari con il flyer, meglio nota in Italia come e-bike, con la possibilità di noleggiare questo mezzo ecologico – alimentato da energia elettrica – lungo il percorso. L’e-bike permette di superare facilmente i dislivelli poiché fornisce una spinta supplementare a quella impressa dalla pedalata.

Punti di forza dell’offerta elvetica sono l’integrazione con i trasporti pubblici, la presenza di una segnaletica uniforme e capillare e la disponibilità di informazioni dettagliate e gratuite per pianificare il proprio viaggio: lunghezza, dislivello, noleggio, cartografia, ristoranti, tappe e punti di interesse lungo il percorso. Gli itinerari per bici (11'000 km) e mountain-bike (9'500 km) sono contraddistinti da cartelli rossi numerati: i numeri di una sola cifra indicano i percorsi nazionali, quelli a due cifre i regionali e quelli a tre cifre o non numerati i percorsi locali.

Per rendere ancora più confortevole un’avventura su due ruote è stato creato il marchio Swiss Bike Hotels che certifica gli alloggi – dal rifugio all’hotel wellness, dal raffinato hotel urbano al garni per famiglie – a misura di ciclista. Sono 85 in Svizzera questi hotel che offrono deposito al coperto, lavaggio dell’abbigliamento sportivo, servizio officina e proposte di tour.

Chance e tendenze.

Le cifre dimostrano la crescente popolarità delle due ruote: 1,5 milioni di turisti (19,4%),sia svizzeri che stranieri, va in bici durante l’estate. Beneficiano di questa tendenza soprattutto le destinazioni alpine visto che più dei 2/3 sceglie di pedalare lungo percorsi in montagna. La bici, inoltre, è uno sport sempre più rosa: nella fasciapiù giovane (meno di 34 anni) la percentuale di uomini e donne che vanno in mountain bike o in bici è quasi uguale. Fra le ragioni del successo della bici fra le donne è il suo essere contemporaneamente sport e stile di vita: pedalare sostituisce la palestra, è sostenibile efavorisce lerelazioni interpersonali. Sempre più ciclisti scelgono le bici elettriche. Nel 2017 si è registrato in Svizzera un nuovo record nella venditadelle bici motorizzate con 90'000 unità (+16,3% rispetto al 2016) ed è esplosa, in particolare, la domandadi e-mountainbike (+38,3%, 29'000 unità).L’andamento del mercato rappresenta un potenziale anche in ambito turistico. L’uso delle e-bike permette anche a un pubblico meno atletico di sperimentare gli itinerari cicloturistici favorendo la nascita di un nuovo segmento.

Ride The Alps, Top Cycling Tour, First Bike Experience: le novità 2018 per ciclisti provetti e neofiti.

17 passi alpini sopra i 2’000 metri fanno la gioia di ogni grimpeur: le strade di valico svizzere si aprono su panorami mozzafiato e rappresentano una sfida impegnativa e gratificante al tempo stesso. Da maggio a settembre – novità 2018 -quelli più scenografici sono chiusi al traffico auto durante le dieci giornateRide The Alps per permettere ai ciclisti un’esperienza di prima classe e in tutta sicurezza. Il 26 maggio chiude, per esempio,quello di Susten (2'260 metri) che unisce Innertkirchen a Meiringen, il 22 luglio c’è la Granfondo San Gottardo, il 24 giugno c’è la Chasing Cancellara sul Passo dell’Oberalp, tra Andermatt e Disentis, con la possibilità di battere il traguardo primadel campione svizzero. L’11 agosto si sale sulCol de la Croix de Coeur, poco conosciuto al di fuori del circuito professionistico, per ridiscendere poi versoVerbier.

Ride The Alps si inserisce nel solco delle giornate dedicate alla mobilità sostenibile. Dal 2000 hanno luogo in tutta la Svizzera gli eventi SlowUp che prevedono la chiusura al traffico auto, in date predefinite, su percorsi pianeggianti di una trentina di km e un programma di intrattenimento con musica e stand gastronomici. È una festa collettiva che unisce un pubblico trasversale e conta ormai una quindicina di appuntamenti all’anno per oltre 400'000 partecipanti.

Svizzera Turismo, in collaborazione con il tour operator Eurotrek, lancia nell’estate 2018 i Top Cycling Tour: si tratta di pacchetti di 4 giorni/3 notti che includono trasporto bagagli, pernottamento e informazioni dettagliate sul percorso prescelto. L’aspirante cicloturista deve solo prenotare, fra 9 proposte, quella che meglio si adatta alle sue gambe: c’è il tour circolare di 276 km da Andermatt sugli impegnativi passi della Svizzera centrale (Furka, Novena, Gottardo e Grimsel) oppure la rilassante ciclovia lungo il Reno, da Kreunzlingen a Sciaffusa, per ammirare le cascate più grandi d’Europa.

Svizzera Turismo ha ideato,inoltre,i pacchetti First Bike Experience specialmente per gli ospiti provenienti dai mercati a lungo raggio: 5 itinerari di un giorno, di facile livello, con guida rivolti a gruppi di 8-20 persone. Obiettivo è incentivare i neofiti della bici a perlustrare il territorio svizzero in modo attivo.

I percorsi per bici e mountain bike a portata di click.

Sono oltre 20mila i chilometri
 di itinerari per le bici, tracciati
 e segnalati in tutto il Paese: su strada o su sentiero, per bici da strada o per mountain bike.
 Svizzera Turismo ha raggruppato e indicizzato per tipologia di bici e livello di difficoltàuna selezione di percorsi su Svizzera.it. Nella sezioneMTB si può scegliere fra la categoria enduro o all mountain, fra escursioni in giornata o tour di più giorni. Mappe, foto, alloggi e attività collaterali vanno a completare il ricco ventaglio di informazioni a disposizione del turista. In primo piano ci sono 12 percorsiicona– presentati attraverso video stories – che meglio rappresentano la variegata offerta rivolta agli amanti delle due ruote: dal tour in e-bike nella Valle dell’Emme al giro dei passi nelle Alpi vodesi.

A rendere unica la rete elvetica è SvizzeraMobile, il sistemache coordina e promuove il traffico lento: in bici e in MTB, a piedi, in skate e canoa. I numeri di una sola cifra indicano i percorsi nazionali, quelli a due cifre i regionali e quelli a tre cifre o non numerati i percorsi locali. SvizzeraMobile collega in modo ottimale i percorsi ai trasporti pubblici creando così, nell’ambito del tempo libero e del turismo, le condizioni ideali per una mobilità combinata. SvizzeraMobile associa i percorsi ad un’offerta completa di servizi: il pernottamento, il noleggio dei veicoli, le offerte prenotabili con trasporto del bagaglio, le mappe scaricabili gratuitamente in scala.Nel 2018 si celebranoi 20 anni de “La Svizzera in bici”, nata inizialmente come progetto cantonale a Olten e poi sviluppatasi fino a diventare una vasta rete con oltre 11'000 km di percorsi nazionali, regionali e locali.

I 12 percorsi icona per mountain bike, bici da corsa e e-bike.

Regione di Berna: sulle tracce della tradizione.

Farina integrale del mulino del paese, burro fresco del caseificio e un biscotto apprezzato da oltre un secolo: chi segue le tracce dei dolci Bretzeli di Kambly, attraverso l’Emmental, intraprende un viaggio un po’ nostalgico nel passato tra verdi colline, tradizionali mugnai e produttori di formaggi.

Regione di Lucerna: incontro al vertice delle leggende.

Bruno Risi, ex ciclista su pista, affronta i passi con la bici da corsa. L’itinerario, ricco di tornanti, attraversa tre cantoni e finisce ad Andermatt inerpicandosi su Furka, Novena e Gottardo. Questi passi alpini sono diventati un mito della storia svizzera e fanno palpitare il cuore di tutti i professionisti della bicicletta.

Ticino: mountain bike e delizie per il palato.

Sotto la cima del Monte Bar, sul magnifico itinerario di SvizzeraMobile per mountain bike Lugano Bike, si trova un rifugio del Club Alpino Svizzero che è molto più di quello che sembra. C’è tutto ciò che occorre alle bici e a chi pedala, oltre alle genuine specialità ticinesi. I giovani gestori, Alessandro e Jvan, ex cuochi in hotel di lusso, ora viziano gli avventori secondo tutte le regole dell’ospitalità.

Percorso del Reno: mix tra bici, treno e battello.

In Svizzera mixare bici e trasporto pubblico è facilissimo! Sull’itinerario del Reno tra Kreuzlingen e Sciaffusa si può alternare la pedalata a una tratta in treno o in battello sul Lago di Costanza.
I punti di interesse sono tanti: il castello di Arenenberg, le case a graticcio di Stein amRhein e le cascate del Reno.

Vallese: sulle strade del Tour de France e del Tour de Suisse.

740 km, 20 passi alpini e 10 tappe tra montagna e valle: il “Wallis Velo Tour” per bici da corsa è ricco di highlights e reca l’impronta del ciclista vallesano Steve Morabito. Nella regione del lago artificiale di Emosson sono state ritrovate impronte di dinosauro risalenti a 240 milioni di anni fa.

Argovia: in bici fra i castelli degli Asburgo.

Il giro in bici attraverso l’Argovia calca sentieri ricchi di storia. È merito degli Asburgo se così tanti castelli e fortezze adornano l’itinerario lungo i verdi argini del fiume Aare. Costeggiando il corso d’acqua si attraversano pianure fluviali, villaggi e città dal valore storico.

Grigioni: nella natura selvaggia.

Nel tour con e-bike intorno al Parco Nazionale Svizzero, il protagonista è la natura. L’itinerario conduce attraverso boschi e valli nascoste: un giro incantevole che costeggia l’area selvaggia più grande della Svizzera, caratterizzata da una straordinaria ricchezza di fauna e flora alpina. Fondato nel 1914, il Parco è il più antico delle Alpi e dell’Europa Centrale.

Giura e Tre Laghi: tour tra fattorie ospitali.

La spettacolare cresta dello Chasseral, la vista sulla catena alpina e i famosi muri a secco attirano nel Giura gli appassionati di mountain bike. Per godersi davvero una pausa, l’ideale è sostare in una tipica métairie. Nella Métairiedu Milieu de Bienne, lungo il tragitto, la giovane famiglia Krähenbühl serve squisiti prodotti della sua fattoria.

Friburgo Regione: viticoltore on tour.

Sui pendii di Vully, i vigneti si susseguono uno dopo l’altro, nonostante si tratti dell’area vitivinicola a denominazione di origine controllata più piccola della Svizzera. L’itinerario in bici “Tour del Lago di Murten” attraversa vigneti e graziosi borghi vitivinicoli offrendo innumerevoli possibilità di degustazione.

Regione del Lago di Ginevra: passi tutti da godere.

Pittoreschi vigneti sullo sfondo imponente delle Alpi, impegnativi passi solitari, tentazioni del palato lungo il percorso: le Alpi vodesi entusiasmano e non mancano di stimoli per gli amanti del ciclismo. La guida di bici da corsa, Alain Rumpf, ama particolarmente mostrare ai suoi ospiti la sua regione d’origine.

La Route Verte: tesori dell’arco del Giura(novità 2018).

L’itinerario per bici “La Route Verte” include i sei parchi naturali regionali dell’arco del Giura, da Sciaffusa a Ginevra. Un’esperienza ricca di natura, cultura e incontri interessanti. Un viaggio attraverso vivaci paesaggi.

Svizzera Orientale: trails by René.

Nel 1999 René Wildhaber fu vice-campione europeo di downhill, oggi progetta trail sul Flumserberg: un luogo diventato meta per i biker. I trail hanno una linea fluida e sono costruiti in modo che tutti, principianti e avanzati, possano apprezzare la magia di una discesa grintosa.

 

SPUNTI E NOVITÀ 2018

Airolo: nuovo B&B a misura di ciclista.

Il Bed&Bike Tremola San Gottardo è la tappa ideale per i ciclisti e per tutti gli amanti dell’avventura. Una vera officina fai da te con piccoli pezzi di ricambio, una rimessa chiusa per bici, un punto informativo con cartine e proposte di noleggio, una lavanderia e una ricarica per e-bike. La base ideale per scoprire la regione del San Gottardo.Info:tremola-sangottardo.ch

HerzschlaufeNapf, una nuova variante lungo la RouteduCoeur.

Dal 21 aprile 2018 tutto è pronto (segnaletica n. 399 e stazioni di noleggio) per pedalare in e-bike lungo il circuito HerzschlaufeNapf nella regione della Valle dell’Emme e della biosfera dell’Entlebuch. Il circuito, caratterizzato dall’ambiente carsico della biosfera, da dolci pendii collinari e alberi da frutto, misura 150 km ed è pensato per essere spezzato in tre tappe giornaliere.

www.schweizmobil.ch/it/svizzera-in-bici/percorsi/etappe-01833.html

Mogelsberg: il primo sentiero svizzero sugli alberi.

Il 10 maggio 2018 è stato inaugurata su una collina nei pressi di Mogelsberg, nel Cantone di San Gallo, la prima passerella fra gli alberi che si sviluppa lungo 512 metri fino a 20 metri di altezza. Accessibile anche alle persone con mobilità ridotta, consente l’osservazione ravvicinata del bosco e una bella vista sul paesaggio circostante.

http://www.baumwipfelpfad.ch/de/

Grande festa al Castello di Prangins.

Il 2018 è l’anno che segna il 20° anniversario dell’inaugurazione della sede romanda del Museo nazionale svizzero al Castello di Prangins. Per festeggiare l’anniversario, sabato 29 settembre 2018 l’artista plastico Muma, che nel 2008 aveva già realizzato una scultura sociale nell’orto storico, allieterà nuovamente gli astanti con la sua nuova creazione, un’opera intitolata «Fleurs de feu» (fiori di fuoco), realizzata con 50’000 candele. 500 volontari si metteranno all’opera per consentire la realizzazione di questo spettacolo luminoso, memorabile sia per la sua bellezza sia per l’esperienza collettiva che esso rappresenta. L’illuminazione del sito del castello si ispiraall’idea di «luce» propria del secolo dei Lumi, di cui il Castello di Prangins è un monumento emblematico. Anche il comune di Prangins si unisce a questo evento unico, organizzando, lo stesso giorno, una festa nel villaggio, con bancarelle. Il giorno seguente, domenica 30 settembre 2018, si svolgerà la decima edizione del Déjeunersur l’herbe: non mancherà la celebre sfilata in costumi storici, che consentirà di immergersi in un formidabile viaggio nel tempo dal 1700 al 1920, con un défilé di parrucche incipriate e tagli di capelli «à la garçonne». Info:nationalmuseum.ch

Grand Tour desVanils: trekking di più giorni nel Parco naturale regionaleGruyèrePays-d’Enhaut.

Da giugno 2018 sarà pronta la segnaletica che conduce in 11 tappe attraverso il Parco naturaleGruyèrePays-d’Enhaut. La regione, dove si produconoi formaggi DOP Gruyère e Étivaz, offre esperienze indimenticabili nella natura e consente di affacciarsi sull’affascinante mondo alpino dei pastori.

https://www.myswitzerland.com/it-it/grand-tour-des-vanils.html

Il santuario degli orsi ad Arosa.

In collaborazione con QUATRE PATTES, che si occupa della protezione degli animali, ArosaTurismo ha messo a disposizione un’area presso la stazione intermedia della cabinovia del Weisshorn per ospitare 5 esemplari di orso bruno. Dall’estate 2018 i visitatori potranno osservare gli orsi nel loro ambiente naturale da un’apposita piattaforma.

www.baerenland.swiss

UCI Mountain Bike World Cup Lenzerheide.

I campionati del mondo di mountain bike sono un evento imperdibile: nella settimana che conclude la stagione, dal 5 al 9 settembre, i migliori atleti MTB si contendono a Lenzerheide la maglia iridata di campione del mondo. Lungo i percorsi di downhill e di cross country sono attesi 30 000 spettatori. Parallelamente alle gare quotidiane, in programma numerosi eventi e feste: si prospetta un Bike Festival eccezionale. Info: lenzerheide.com

 

LINK UTILI

Svizzera.it/estate (attività e destinazioni estive)

Svizzera.it/raccontiestivi (info sui 12 percorsi icona)

Svizzera.it/bikehotels (gli 85 alloggi con marchio “Swiss Bike Hotel”)

SvizzeraMobile.ch (piattaforma per il traffico lento)

RideTheAlps.ch (calendario delle giornate “riservate ai ciclisti”)

 

FONTE DEI DATI CITATI

Osservatorio del Turismo Svizzero (TMS), estate 2017

Velosuisse 2018

 

Info: N. verde 00800 100 200 30 (non eliminare “00” iniziale) - www.svizzera.itQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

#INNAMORATIDELLASVIZZERA

Twitter: @myswitzerland_i

Facebook.com/myswitzerland

Instagram: myswitzerland

Seguici su ...