Il nuovo

concetto

di attualità

SCOPRIMILANO
TamTamNews
Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Enogastronomia
Pubblicato 08 Giugno 2018
Stampa

 

Si è tenuta alla Fondazione Catella la serata “Dal 1542 al futuro del Prosecco Superiore

La grande festa,“Dal 1542 al futuro del Prosecco Superiore”– organizzata da Enzo Miccio, wedding planner e conduttore televisivo,e tenutasi il 4 giugno a Milano presso la Fondazione Riccardo Catella -hacelebrato l’inizio di una nuova era per Bisol,mostrandone il suo lato glamour.

La Cantina è entrata a far parte del Gruppo Lunelli nel 2014 e inquesti 4 anni è stato costruito un progetto che mira a fare di Bisol un marchio di riferimento del Prosecco Superiore di Valdobbiadene.

Bisol vuole essere una realtà con una grande storia, ma anche contemporanea e con uno sguardo rivolto verso il futuro; legata al suo territorio ma anche cosmopolita. Dopo una riorganizzazione dell’azienda e importanti investimenti in campagna e in cantina, l’inizio di questa nuova era si manifesta con la rivisitazione completa dell’immagine della marca e della gamma di etichette che sono state particolarmente apprezzatedagli ospiti. Il nuovo brand, presentato a Vinitaly,mette in evidenza il 1542, anno a partire da cui si testimonia la presenza della famiglia Bisol come viticoltori a Santo Stefano di Valdobbiadene.

Nel logo e nelle etichette Bisol c’è poi un tocco di verde, il verde tipico delle colline di Valdobbiadene. Proprio il verde è stato il filo conduttore di questa serata, dal dress code agli splendidi allestimenti curati da Enzo Miccio.

Gli invitati hanno degustato inuovi Prosecco Superiore DOCG delle linee Bisol e Jeio che rappresentano due anime complementari della stessa marca.

Bisol è una collezione fatta di eccellenza senza compromessi che racconta il faticoso lavoro della terra e rappresenta la storica scelta di differenziare i vini in base alla tipologia di terroir che li origina, mettendo in evidenza le diverse sfumature del Prosecco Superiore. Jeio èil volto contemporaneo, l’anima gioiosa che esprime quella capacità di godere della qualità della vita, tipicamente italiana.

Queste due collezioni convivono e giocano l’una con l’altra come è successo nel corso dell’evento che è partito con le etichette Bisol all’insegna della convivialità ed è finito nel segno della festa con i vini della linea Jeio: #enJeio.

 

 

È davvero una grande soddisfazione presentare la nostra nuova gamma, che abbiamo pensato per sottolineare il legame tra i valori della nostra famiglia, la viticultura e il territorio di Valdobbiadene", ha affermato Gianluca Bisol, Presidente delle Bisol Desiderio & Figli. “Con molto orgoglio condividiamoil fatto che le nostre etichetteabbiano conquistato il podio in tre recenti concorsi internazionali: Falstaff Trophy, Best Wine of the World Competition e Sommelier Wine Awards. In particolare, brindiamo alla prima posizione tra tutte le marche di Prosecco nella classifica stilata dallaautorevole rivista tedesca Falstaff”.

 

Il nuovo progetto Bisol è strategico per il Gruppo Lunelli ma vuole dare anche un contributo allo sviluppo del territorio”afferma Matteo Lunelli, Amministratore Delegato del Gruppo Lunelli.“Ci tenevamo a presentare anche a Milano la nuova identità di Bisol che sta riscuotendo un grande successo negli Stati Uniti,dove Gianluca Bisol ha fatto un entusiasmante roadshow in quindici città, e che ci apprestiamo a portare anche in UK con un grande evento che si terrà a fine giugno a Londra. Bisol vuole essere sempre più protagonista del Prosecco Superiore nel mondo ma anche in Italia. Siamo quindi partiti da Milano per affermarci nei locali di tendenza e nella ristorazione di eccellenza del nostro paese”.