MILANO: PRESENTATO DA "OSTE E CUOCO" IL LIBRO FOTOGRAFICO "OLTRE LO SGUARDO" DI GIANMARCO CHIEREGATO

È uscito ieri, giovedì 4 aprile, edito da Crowdbooks, il libro fotografico "OLTRE LO SGUARDO", una raccolta di 200 ritratti realizzati da GIANMARCO CHIEREGATO, grande artista della fotografia, amato e conosciuto nel mondo del cinema e della moda e non solo che da più di trent’anni ha fatto del ritratto la sua scelta artistica "guardando sempre gli occhi, per riuscire a fare parlare la fotografia oltre la tecnica, oltre l’immagine, oltre lo sguardo".

Si tratta di un volume prezioso di ritratti di personaggi famosi da Margherita Buy a Valerio Mastandrea, da Valeria Marini a Luciano Pavarotti, Nanni Moretti, Valeria Golino, da Alessandro Gassman a Giorgio Armani, Valentino Garavani, Laura Pausini, Tiziano Ferro.......ai grandi di Hollywood con ben 17 Premi Oscar, corredati da piccoli aneddoti, a volte veloci battute, a volte piccoli racconti, che fanno scoprire il backstage di ogni foto e che danno idea di quanto sia importante il rapporto che si instaura tra personaggio e fotografo perchè, come ci tiene a sottolineare il fotografo-architetto romano: "gli scatti più belli sono quelli in cui gli occhi dei protagonisti ti dicono qualcosa di speciale".

Chieregato ha presentato il suo libro presso "Oste e Cuoco", lo spazio di Filippo La Mantia a Milano, intrattenendo gli intervenuti con suoi interessanti vissuti, spiegando come "non tutti gli attori amano farsi fotografare e spesso dietro alla loro bravura ci sono anche insicurezze, piccole fragilità, debolezze e paure", dando il suo giudizio positivo sull’avvento del digitale che regala "costi notevolmente bassi, apre la porta della fantasia su confini illimitati e affascinanti e negativo su Instagram che "dietro un finto muro di modernità si cimentano milioni di sedicenti fotografi. Senza conoscere le basi di un lavoro così serio e complicato, cercano consensi su immagini artefatte da filtrini ruffiani. Che sono accessibili con facilità da chiunque".

L'autore ha deciso di devolvere i proventi della vendita del libro alla LILT, la Lega Italiana Lotta contro i Tumori. "Tutti possiamo aiutare la ricerca, e tutti possiamo essere d’aiuto a chi ne ha più bisogno. Credo molto anche nel valore terapeutico della fotografia, per questo rispondo anche agli appelli di mamme di ragazze adolescenti che mi chiedono di mostrare alle loro figlie, convinte di essere brutte, quanto invece siano belle. Si crea un rapporto costruttivo che può dare loro il coraggio e la sicurezza che non hanno, stimolando la loro autostima e la loro voglia di piacersi".