DANIMARCA: GERANIUM, ALCHEMIST E JORDNÆR AI PRIMI POSTI NELLA CLASSIFICA 50 WORLD’S BEST RESTAURANTS

0 352

Lunedì 18 luglio 2022 si è svolta a Londra la 20a cerimonia di premiazione dei 50 migliori ristoranti del mondo. Questo è un altro anno vittorioso per la gastronomia danese con Geranium che ha rivendicato il titolo di miglior ristorante del mondo e due nuovi ristoranti danesi che sono entrati nella top 50.

 

Il numero 2 dell'anno scorso, Geranium è in cima alla lista di quest'anno. Il ristorante si trova all'8° piano sopra lo stadio nazionale di calcio danese Parken, con vista panoramica sul Fælledparken (i giardini comuni). Rasmus Kofoed è il capo chef e co-proprietario, nonché l'unico chef ad aver mai vinto le medaglie d'oro, d'argento e di bronzo alla prestigiosa competizione di cucina globale il Bocuse d'Or.

"La mia determinazione e curiosità ad imparare di più ogni giorno mi hanno dato fiducia e finalmente ho trovato il mondo a cui appartengo", ha detto Kofoed, che nel suo discorso di accettazione ha parlato di come è passato da bambino insicuro a dove si trova oggi. “Il Geranium è diventato la nostra visione per creare uno spazio olistico che abbraccia il cerchio della vita. Il cibo è un connettore, che unisce persone di diversi continenti. Condividere tradizioni, cultura e creatività. E mi sento così dannatamente grato di poterne far parte”.

Kofoed ha elogiato la sua squadradi Copenaghen e la moglie prima di aggiungere in modo conclusivo: “ora è il momento per un po' di hygge. Skål!” (skål “salute” in danese.).

Il servizio ai tavoli, il vino e le bevande sono gestiti dal comproprietario Søren Ledet, che si è unito a Kofoed sul palco durante la cerimonia di premiazione.

La via del Geranium verso la vetta

 

Geranium è stato il primo ristorante danese a ricevere tre stelle Michelin nel 2016 e sono gradualmente saliti nella classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo dal 49° nel 2012 al 2° nel 2021.

Il menu attuale, "The Summer Universe", costa DKK 3.200/$ 440 a persona e dura un minimo di tre ore. Offrono vari menu di vini e un abbinamento senza alcol.

Dall'inizio della stagione 2022, Geranium ha rimosso la carne dal menu per concentrarsi esclusivamente su verdure e frutti di mare. A proposito del passaggio a un menu senza carne, Kofoed ha commentato: “Il menu riflette me, chi sono e come mi sto evolvendo come chef e come essere umano. Non mangio carne da 5 anni a casa, quindi non usare più carne nel nuovo menu è stata una decisione logica e una naturale evoluzione per Geranium”.

Il ristorante è stato aperto per la prima volta nel 2007, ma ha chiuso nel 2009 prima di riaprire nella nuova sede nel 2010.

 

Alchemist entra tra i primi 50

Al n. 18 c'era il ristorante immersivo Alchemist, in aumento rispetto al n. 58 dell'anno scorso. Il proprietario dell’Alchemist è lo chef Rasmus Munk. Il ristorante ha aperto nel 2019 e ha ottenuto due stelle Michelin nel 2020, il suo primo anno nella guida. Un pasto all'Alchemist comprende 50 portate o "impressioni", che includono luce, teatro, arte e suono in base al loro manifesto gastronomico olistico. Rasmus Munk e il team hanno reinventato l'esperienza culinaria olistica con innovazione ad ogni passo.

facebooktwitterinsta

gloria

Il nuovo
concetto
di attualità

scopri