IN VIAGGIO A BRIANÇON, PATRIMONIO UNESCO TRA PAESAGGI ROMANTICI E ATMOSFERE SOGNANTI

Una giornata qualunque è adatta per decidere di andare a fare un giro in Francia a visitare una bella cittadina fortificata Stiamo parlando di Briançon, che, con i suoi 1326 metri slm, è la cittadina più alta dell’Unione europea ed anche la più alta città fortificata d’Europa, e di gran lunga la più alta di tutta la Francia.

Situata alla confluenza di cinque valli è un luogo di arte e storia, tant’è che l’UNESCO nel 2008 l’ha classificata come patrimonio dell’umanità. La porta di Pignerol segna l’accesso alla fortezza Vauban, la città alta, introducendo il visitatore nelle strette e ripide vie sovrastate dalle antiche dimore da entrambi i lati. Il nome della fortezza deriva dal nome di colui che la progettò, considerato uno dei più grandi ingegneri militari di tutti i tempi. Le chiese, le numerose fontane e le meridiane che si trovano un po’ ovunque, sono da scoprire passeggiando per le sue strade, ammirandone i colori e le decorazioni. Qui case, botteghe e caffè tutti caratterizzati da viste mozzafiato richiamano quelli dei borghi tipici della Provenza e regalano la stessa contagiosa joie de vivre. All’interno della città si trovi soprattutto la Collegiata di Notre Dame risalente al XVIII secolo, semplice, se vogliamo, essenziale come le Chiese di montagna ma ugualmente ammirevole nella sua essenzialità. Vale comunque la pena una visita al suo interno, con la presenza di bei dipinti e un bell’altare, un ambiente intimo, raccolto, ma nello stesso tempo austero.

Allungate poi la vostra passeggiata fino al ponte di Asfeld: questo permette il collegamento tra Briançon ed uno dei suoi edifici più significativi, il Fort des Têtes, il cui epiteto deriva da quello del suo luogo di costruzione, detto proprio “pianoro delle Teste”, costruito per ospitare fino a 1.250 soldati e 70 pezzi di artiglieria, ma mai in realtà adempito alle finalità militari per le quali era stato edificato.

Briançon è anche nota per il suo microclima caldo e secco, favorevole per la cura di patologie respiratorie asmatiche ed allergiche. Questo è dovuto all’anomala disposizione della Valle della Durance, orientata da nord a sud invece che da est ad ovest, come quasi tutte le Valli dell’arco alpino francese. Il che permette alle Alpi di bloccare ad ovest le nuvole mentre l’apertura a sud permette all’aria calda del Mediterraneo di risalire rendendo il clima secco. 

Le fortificazioni si visitano in e-bike accompagnati da una guida del patrimonio. Per i bambini, dai 6 ai 12 anni, sono proposte le visite-laboratoriPatri’mômes” per fargli scoprire il patrimonio in modo divertente. Le visite in famiglia “En’quête de patrimoine” si svolgono sotto forma di gioco-scoperta alla ricerca d’indizi per trovare un tesoro e conoscere i monumenti in famiglia . Nuove visite sono previste quest’estate, di cui una al Forte des Salettes allestita con una scenografia storica in stile vivente nonché una visita in forma di gioco a destinazione dei più grandi!

E se il vostro viaggio sarà tra luglio ed agosto vi consigliamo un salto nel passato, appuntamento il 2, 3 e 4 luglio, con la Festa Medievale che immerge la città in un ambiente colorato e allegro tra cavalieri, mendicanti, trovatori e falconieri e numerose attività quali danza, lotta, spettacoli musicali, mostre d'artigianato……Novità di quest’estate dal 2 luglio al 15 agosto Briançon sous les étoiles: Festival suoni e luci, concerti, musica jazz nel cuore della Cittadella Vauban.

Punto di forza della città è anche la gastronomia, piatti di montagna appetitosi e gustosi tra i quali vi invitiamo a non perdere la tartiflette, una sorta di sformato di patate, formaggio, latte, pancetta e yogurt, accompagnato da insalata, affettato  da un buon vino rosso.

Se avete caldo vi consigliamo di percorrere ancora 30 Km circa dopo Briançon per arrivare al colle del Lautaret con una spettacolare visione sui ghiacciai del Massif des Ecrins sui quali puoi anche arrivare con una bella funivia.

Informazioni utili

Come arrivare: dall’Italia è veramente semplice. Posta a soli 15 km dal confine italiano, la città si dista circa mezzora da località come Sestrières (33 km) o Bardonecchia (45 km) e Torino (109 km). Bardonecchia è oltretutto servita dal collegamento ferroviario con la Francia, attraverso il traforo ferroviario di Frejus. La stazione ferroviaria di Briançon è una delle più antiche della Francia (costruita nel 1884) e una a più alta altitudine della nazione (1205). Da Marsiglia e Grenoble, Briançon si raggiunge attraversando le Alpi marittime. In auto Briançon è raggiungibile attraverso il traforo stradale del Frejus e la Torino-Bardonecchia.

Office de tourisme: +33 (04) 92 24 98 98, 33(0)6 89 37 64 75.

#brianconserrechevalier

#ExploreFrance