PÊCHE MELBA, IL DOLCE CON FRUTTA E GELATO FIRMATO AUGUSTE ESCOFFIER

0482

L'estate sta finendo e sui banchi di frutta e verdura ormai è tempo delle ultime pesche.

Approfittatene per portare in tavola la Pêche Melba, un dolce inventato dallo chef Escoffier, il più grande cuoco del suo tempo, deus ex machina delle cucine di hotel di grande prestigio, come il Savoy e il Carlton di Londra e il Ritz di Parigi, ambasciatore della grande cucina francese in tutto il mondo, in onore della leggendaria cantante d'opera australiana Nellie Melba, a base di pesche, gelato alla vaniglia, salsa di lampone e mandorle. Un fine pasto elegante e raffinato, ancora oggi, tra le preparazioni che non mancano mai nei grandi alberghi e ristoranti.

 

Ingredienti per 4 porzioni:

4 pesche

400 ml di acqua

100 gr di zucchero semolato

Per il gelato:

3 tuorli

75 gr di zucchero

200 ml di panna liquida

200 ml di latte

1 baccello di vaniglia

Per lo sciroppo di lamponi:

200 gr di lamponi

75 gr di zucchero

100 ml di acqua

Altri ingredienti:

50 gr di mandole a lamelle

200 ml di panna montata

Procedimento:

Per prima cosa bisogna preparare il gelato alla vaniglia, quindi incidere il baccello di vaniglia e metterlo in un tegame con il latte e la panna. Porre sul fuoco, portare lentamente al bollore e poi lasciar raffreddare.

Intanto sbattere i tuorli con lo zucchero, unire a filo il composto di panna e latte, dopo aver eliminato il baccello di vaniglia. Amalgamare il tutto e porre nella gelatiera.

Sbucciare le pesche e farle cuocere in un tegame con lo sciroppo di acqua e zucchero, utilizzando un tegame in cui le pesche siano completamente ricoperte dallo sciroppo. La cottura delle pesche può variare in base alla qualità delle pesche, che in ogni caso devono essere sode e si devono togliere dal fuoco solo quando sono diventate morbide.

Dopo la cottura, lasciar riposare le pesche in un recipiente con lo sciroppo e poi mettere in frigo, quando si sono raffreddate.

Adesso preparare la salsa di lamponi,mettendoli in un tegame con l’acqua e lo zucchero. Il tegame deve essere disposto su un recipiente a bagnomaria, finché i lamponi non diventano molto teneri. A questo punto frullare il tutto e lasciar raffreddare.

Adesso che tutti gli elementi della pesca Melba sono pronti, non resta che assemblare il dessert.

Prendere 4 coppette, riempire il fondo con il gelato alla vaniglia, adagiare le pesche sul gelato e coprirle con la salsa ai lamponi. Aggiungere su ogni pesca Melba un ciuffo di panna montata e poi decorare con le mandorle a lamelle o a filetti.



facebooktwitterinsta

gloria

Il nuovo
concetto
di attualità

scopri