MBT GT2 A/I 2018: LA NUOVA TECNOLOGIA PER IL RUNNING FOOTWEAR

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Moda Tendenze
Pubblicato 09 Giugno 2018
Stampa

Per l'A/I 2018, MBT, il marchio di calzature fisiologiche con ingegneria svizzera incentrate su un concetto di stile di vita sano e attivo,presenta la nuova sneaker GT2: un’interpretazione in chiave aggiornata di un best seller firmato MBT, proposto in una veste completamente nuova e resa il 10 % più leggero. Audace e al tempo stesso minimalista, questo modello presenta un design elegante ispirato all’archivio dei modelli GT, che sfoggia un profilo inedito ma che rivela il dna del brand. Le sneakers sono caratterizzate da una tomaia realizzata in Air Mesh Engineered traspirante e leggera, che avvolge il piede e permette di assicurare una calzata ineguagliabile, stabilizzando il tallone e creando zone di decompressione plantare che favoriscono la stabilità dinamica, per offrire una sensazione avvolgente morbida ma sicura.

È una scarpa che si adatta perfettamente al piede di chi la indossa, assicurando così un’ammortizzazione senza pari.

Le sneakers sono proposte in cinque iconiche colorazioni contraddistinte da una forte identità visiva che garantisce il massimo impatto, pur restando fedele al principio della semplicità: grey/pink e sky blue per la donna, dark grey con inserti fluo e red chili nella versione maschile.

 

La calzatura presenta, inoltre, un'intersuola rivoluzionaria che unisce i benefici della tecnologia brevettata Masai Barefoot Technology - MBT ad una capacità di ammortizzazione eccellente, creando un sistema che accompagna la rullata del piede in modo naturale e adatta a chi cerca una scarpa da allenamento confortevole.

ll grande valore aggiunto di questa calzatura sta nella sua costruzione: accanto alla MBT Sensor Technology ® bidensità che è integrata nel tallone perfezionando il sensore del mesopiede e riducendone l'impatto, la GT2 è stata concepita con l'esclusiva suola curva specifica funzionale per l'attività di running che agevola la fase di spinta ed il passaggio all'appoggio successivo, creando un'azione combinata di supporto al piede e stabilità dinamica, con una qualità in più: immagazzina l’energia in appoggio e la rilascia in stacco.

La prima sensazione in corsa è quella di una maggiore ammortizzazione ma al tempo stesso una maggiore ritorno di energia, un minor peso della scarpa e una maggiore durata: una calzatura che invita a spingere e performare anche se in origine, non nasce come scarpa veloce da gara e le sue caratteristiche la rendono apprezzabile soprattutto da un runner mediamente evoluto.

"L'obiettivo era quello di creare una calzatura che conservasse i più importanti benefici MBT e che li unisse ad innovazione e tecnica" spiega Alex Manazzon, Head of Academy MBT, "sappiamo bene quanto il benessere e l'attività siano fondamentali per chi vuole ottenere il massimo e così ci siamo immedesimati negli sportivi più esigenti, per capire come sarebbe dovuta essere la loro scarpa da running ideale. Così è nata la GT2, come una naturale evoluzione dei modelli GT precedenti."

www.mbt.com