Il nuovo

concetto

di attualità

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Cultura Spettacoli Locali
Pubblicato 19 Giugno 2018
Stampa

La settima arte si arricchisce di un nuovo appuntamento. Nasce il Crema Film Festival, dal 25 giugno al 1 luglio, promosso dall’ Associazione Bottesini e ideato dal suo direttore Francesco Daniel Donati, in collaborazione con il Comune di Crema.

L’elegante e tranquilla città, immersa nel cuore della Pianura Padana, sta vivendo un momento unico e irripetibile grazie alla visibilità internazionale del film vincitore di un premio Oscar Call Me by Your Name

di Luca Guadagnino. La nascita di un festival di cinema non poteva capitare in un momento più propizio.

È noto il legame di Crema con registi e produttori come Luca Guadagnino, Marco Tullio Giordana, Mirko Locatelli e Pietro Valsecchi, solo per citarne alcuni, e forse non è un caso che molti, originari di questi luoghi o che vi hanno messo radice, abbiano scelto di occuparsi proprio di cinema. La bellezza silenziosa dei palazzi nobiliari e della campagna circostante evoca, a ben vedere, la magia della settima arte nel suo compiersi. L’

immaginazione si fa corpo, dalla nebbia alla luce di questa terra vigorosa, dal buio della camera oscura a una festa del Cinema.

Crema Film Festival si propone come un evento di respiro internazionale capace di attrarre personaggi illustri e di fornire un’offerta culturale e d’intrattenimento nuova per i cremaschi e per i turisti, consolidando lo stretto rapporto di Crema con il mondo del cinema.

La manifestazione consiste in una rassegna cinematografica non competitiva,arricchita da eventi collaterali organizzati nei cortili dei palazzi storici e nei luoghi più significativi della città.

Crema Film Festival è idealmente dedicato al cremasco Leonardo Bonzi, personaggio al limite del romanzesco e autore di leggendarie imprese, è stato uno dei primi e più grandi documentaristi italiani del Novecento. Avvocato, scrittore, giornalista, atleta vincitore di medaglie d'oro, campione italiano di tennis, olimpionico nella disciplina sciistica, esploratore a capo di otto spedizioni ai limiti del mondo e pilota di volo con record mondiali. Sposò l’attrice Clara Calamai. Regista di Continente perduto (1955) con cui vinse il Premio Speciale della Giuria al Festival di Cannes e produttore del film La muraglia cinese di Carlo Lizzani, che gli valse il David di Donatello come Miglior Produttore 1958.

Il Direttore ha così dichiarato:

“Credo che possa essere una buona occasione per far conoscere un'Italia minore che racchiude molta bellezza, atmosfera e verità. Grazie a Luca Guadagnino, che ho avuto la fortuna di conoscere dal primo momento che è arrivato a Crema molti anni fa, abbiamo beneficiato di scambi culturali che non potevamo né immaginare né sperare. Per questo gli sono molto grato. Con il suo film Luca ha saputo cogliere l'essenza del nostro territorio con una maestria e un gusto straordinari”. Francesco Daniel Donati

Stefania Bonaldi, sindaco di Crema ha a sua volta affermato:

“Siamo emozionati ed orgogliosi di questa proposta estiva che punta a valorizzare il legame della città di Crema con il Cinema. Nato sull'onda della pellicola di Luca Guadagnino, che ha portato a Crema e al Cremasco una notorietà che ci entusiasma e ci spinge a qualificare sempre di più le proposte culturali del Territorio, il Film Festival intende riscoprire anche più antiche relazioni della Città con il Cinema, a partire dalla mitica figura di Leonardo Bonzi, cui espressamente é dedicato il logo dell'iniziativa. Sono grata all’

Associazione Bottesini che, sostenuta dal Comune di Crema, con grande e coraggiosa intraprendenza, si è cimentata in questa avventura, che sono certa incontrerà l'interesse e l'attenzione del pubblico, cremasco, ma non solo”.

Per il programma della manifestazione e l'acquisto dei biglietti: https://www.clappit.com/biglietti-crema-film-festival/showProductList.html