Il nuovo

concetto

di attualità

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Turismo & Benessere
Pubblicato 09 Agosto 2018
Stampa

 

Sfide all’ultimo respiro
E grande scenografia
Oltre mille personaggi sfilano a Oria
Per ricordare FEDERICO II
10 – 11 e 12 agosto 2018

Combattimenti spettacolari, sfide all’ultimo respiro, grande
scenografia. E’ tutto pronto a Oria per la 52ma edizione del Corteo
Storico Federico II e il Torneo dei Rioni. Presentate in conferenza
stampa tutte le novità dal presidente facente funzioni della Pro Loco,
Andrea Almiento e dal sindaco di Oria, Maria Lucia Carone. Ospite
d’onore il sindaco di Cuccaro Vetere, in provincia di Salerno, Aldo
Luongo, con il quale è stato firmato un protocollo d’intesa perché
Oria aderisca alla rete delle Città del Palio.
Il calendario è fitto di avvenimenti: il 10 agosto alle 21.30 nel
Duomo di ORIA ci sarà la solenne benedizione del Palio, donato
quest’anno dalle figlie di Donato Palazzo, il primo presidente della
Pro Loco di Oria, scomparso di recente.
A benedire il Palio sarà il vescovo di Oria, sua eccellenza mons.
Vincenzo Pisanello.
Nel tardo pomeriggio (partenza alle 18.30 dalla chiesa dei Padri
Rogazionisti) di sabato 11 sfilerà per le vie della città il Corteo
storico Federico II. Oltre mille figuranti, che coinvolgono quasi
tutte le famiglie di Oria, vestiranno gli abiti medioevali per
interpretare i personaggi della Corte del grande imperatore, tanto
innamorato della Puglia e di Oria in particolare. La cerimonia si
concluderà alle 21.30 in piazza Lorch con la lettura del Bando 2018 e
la presentazione del Palio.
Domenica 12 agosto alle 17.00, nel campo sportivo dei Padri
Rogazionisti, i quattro Rioni, San Basilio, Lama, Castello e  Giudea,
si sfideranno nei giochi medioevali per contendersi l’ambito Palio. E
quest’anno sarà l’attore Fabio Troiano ad indossare la corona di
Federico II.
E fu proprio il grande imperatore, il Puer Apuliae, giunto a Oria nel
1225 per attendere la sua sposa Jolanda di Brienne, con cui si sarebbe
unito in matrimonio nel Duomo di Brindisi, a indirre il Torneamento
dei Rioni a Oria “con armi cortesi, senza crudele battaglia e
villania”. Un avvenimento storico cui gli oritani sono così legati da
rievocarlo da due anni e mezzo secolo!
“C’è tanto lavoro dietro l’organizzazione di un evento così
imponente”, dice il presidente della Pro Loco, facente funzioni,
Andrea Almiento. “Quest’anno ci saranno non poche sorprese! A partire
dai combattimenti spettacolari!” “Ringrazio la Pro Loco per l’impegno
profuso nell’organizzazione di questa grande manifestazione”, dice il
sindaco Maria Lucia Carone. “Siamo sempre più convinti di dover
promuovere, per la nostra città, il turismo culturale, che possa
attrarre viaggiatori colti e curiosi tutto l’anno”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco di Cuccaro Vetere, in
provincia di Salerno, Aldo Luongo, giunto a Oria per sottoscrivere un
protocollo di intesa con la sua collega e creare la rete delle Città
del Palio.
Oria e Cuccaro Vetere sono infatti accomunate dalla celebrazione del
Palio. “Il nostro si svolge il 13 agosto di ogni anno da 36 anni”,
dice il sindaco Luongo. “Si chiama il Palio del Ciuccio. In piazza si
sfidano nella corsa gli asini, tipici della nostra tradizione, molto
giocosamente, su una pista realizzata apposta per loro”.
“Quest’anno”, prosegue il sindaco, “il Palio sarà preceduto dalla
celebrazione di un PREMIO,  che verrà conferito alla redazione di
Napoli di Repubblica per aver inserito il Cilento nella prestigiosa
Guida e al grande Beppe Barra”. Ad accompagnare il sindaco di Cuccaro
Vetere c’era Giuseppe Semeraro, fondatore dell’agenzia di eventi Perla
del Salento, che aiuta i sindaci a fare rete e a collaborare.
Annunciata in conferenza stampa anche l’imminente sottoscrizione di
protocollo d’intesa tra Oria e Melendugno, rappresentata dal sindaco
Marco Potì. “Abbiamo origini comuni: quelle messapiche”, annuncia il
sindaco di Oria, “e, con l’intento di promuovere le due città
reciprocamente, firmeremo un protocollo d’intesa che ci vedrà
collaborare per favorire anche la conoscenza reciproca tra le due
città”.
Un saluto è stato rivolto anche al sindaco di Roseto Capo Spulico, in
provincia di Cosenza, Rosanna Mazzia, che lo scorso anno ha donato il
Palio a Oria sotto il segno dei castelli federiciani, che accomunano
le due città.
La macchina organizzativa è già in moto da tempo. Ma il pensiero non
può non andare al compianto presidente onorario, Giovanni Colonna,
che, scomparso di recente, ha lasciato un vuoto incolmabile. “A lui”,
annuncia il presidente della Pro Loco, “sarà dedicato un evento, una
serata speciale per ricordarlo”.