Il nuovo

concetto

di attualità

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Cultura Spettacoli Locali
Pubblicato 02 Novembre 2018
Stampa

Victor Wooten, Aziza Quartet, Steve Kuhn Trio, John Scofield, Bill Frisell,

 Ron Carter, Chiara Civello e Christian Sands

 

“Se la musica è un luogo, il jazz è la città”, diceva il Premio Nobel Vera Nazarian: una frase che non potrebbe essere più vera se abbinata al novembre meneghino. Il mese si apre con la terza edizione di JAZZMI, il festival jazz diffuso per la città con più di 210 eventi in 13 giorni e 500 artisti in cartellone, che nelle precedenti edizioni ha riscosso grande successo, ottenendo il consenso unanime di pubblico e critica.

Blue Note Milano, partner ufficiale del festival e seconda location per numero di concerti in programma dopo Triennale Teatro dell’Arte, offre alla città grandissimi nomi di fama internazionale.

Stasera e domani spazio alla musica fusion di Victor Wooten, vincitore di 5 Grammy Awards e più volte nominato miglior bassista dell’anno: si presenta al Blue Note accompagnato da Dennis Chambers alla batteria e Bob Franceschini al sax per un concerto esplosivo.

(Ore 21.00 – 45/40 €; ore 23.30 – 35/30 €)

Una super band salirà sul palco domenica 4 novembre: Aziza Quartet, un gruppo che riunisce quattro indiscusse punte di diamante della musica mondiale: il contrabbassista Dave Holland, il sassofonista Chris Potter, Kevin Eubanks alla chitarra ed il batterista Eric Harland.

(Ore 21.00 – 45/40 €)

La seconda settimana di JAZZMI al Blue Note si apre con Steve Kuhn Trio in programma martedì 6 novembre: uno dei maggiori pianisti viventi arriva in via Borsieri accompagnato da Aidan O’Donnell al basso e Billy Drummond alla batteria. L’artista ormai ottantenne continua quella ricerca di finezza armonica e ritmica, che ha segnato il suo successo.

(Ore 21.00 – 33/28 €; ore 23.00 – 23/18 €)

La hall of fame  del jazz continua – il 7 novembre – con John Scofield, uno dei chitarristi più interessanti in circolazione, un artista poliedrico capace di un virtuosismo decisamente raro che gli ha consentito durante la sua carriera di creare capolavori spaziando dal blues, al jazz, al country… Per l’occasione presenta il suo nuovo album Combo 66, perfetta sintesi del suo universo musicale.

(Ore 21.00 – 43/38 €; ore 23.00 – 33/28 €)

L’8 novembre, per la prima volta da solista, calcherà il palco del Blue Note Bill Frisell, chitarrista e compositore statunitense tra i più rappresentativi ed eclettici della sua generazione: vanta infatti collaborazioni con i massimi esponenti della musica d’avanguardia (John Zorn e Tim Berne),  del jazz come Paul Motian e Joe Lovano, ma anche con superstar del rock come Ginger Baker, Marianne Faithfull e Elvis Costello, si è dedicato alla composizione di importanti colonne sonore, e cimentato nella sperimentazione e nell’ improvvisazione jazzistica.

(Ore 21.00 – 40/35 €; ore 23.00 – 30/25 €)

L’artista che si esibirà il 9 novembre non ha certo bisogno di presentazioni: alcuni lo ricordano per il fondamentale ruolo che ebbe nel cambiamento della storia del jazz, altri per l’attenzione che ha sempre dedicato alle novità e alle avanguardie. Di sicuro Ron Carter è il più apprezzato dei contrabbassisti per l’inconfondibile potenza ritmica.

(Ore 21.00 – 45/40 €; ore 23.30 – 35/30 €)

Seconda quota rosa del mese in programma il 10 novembre: Chiara Civello è una tra le più internazionali delle artiste italiane, capace di spaziare senza difficoltà dal grande jazz al pop di qualità. Si presenta al Blue Note con il suo nuovo progetto – Eclipse – che sapientemente unisce pop italiano elegante, influenze brasiliane, qualche cover sorprendente, arrangiamenti elettronici e molti altri elementi interessanti.

(Ore 21.00 – 40/35 €; ore 23.30 – 30/25 €)

Christian Sands ha solo 29 anni, suona il pianoforte da quando ne aveva 2, ha guadagnato 5 nomination ai Grammy Awards e sarà in via Borsieri l’11 novembre. Wynton Marsalis lo ha definito “jazz star of the future” per la sua incredibile capacità di passare dallo swing, al bebop, al progressive jazz, alla fusion e alle sonorità brasiliane e afro-cubane. Insieme a Eric Wheeler al contrabbasso e a Jerome Jennings alla batteria presenta Reach, il suo primo album.

(Ore 21.00 – 33/28 €)

 

Tutte le informazioni sono disponibili su: www.bluenotemilano.com