SALDARINI CASHMERE FLAKES HA INTERCETTATO NUOVI TALENTI: MARCO RAMBALDI E UJOH

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Moda Tendenze
Pubblicato 03 Marzo 2019
Stampa

Venerdi 22 febbraio Saldarini Cashmere Flakesha svelato la sua live performance al Grand Hotel et de Milan: un percorsoarticolatocome la svolta innovativa dell’impresadepositariadel brevetto dell’imbottitura ecologica in fiocchi di cashmere.

 

Da questa stagione infatti la secolare insegna del serico comasco (since 1882) ha messo il suo knowhowe suoi brevetti a disposizione di nuovi talenti, per sostenerli producendonecapsule collection sperimentali. Denominatore comune dei talenti selezionati (questa stagione Marco Rambaldi e Ujoh),l’ecocompatibilità: un fil rouge che nel percorso di Saldarini è diventato“fil green”.

 

Sabato 23 febbraiola CNMI ha ospitato un’istallazione di Saldarini alla sala delle Colonne nel Palazzo dei Giureconsulti. 12 pezzi unici della collezione sono stati messi in mostra mentre in una sequenza di video è stata proiettata l’anteprima de “A Cashmere FlakesJourney” Ora disponibile on line, tutto da instagrammare, lo short movie Cashmere Flakes. La storiadi un viaggio a ritroso lungo la via della seta di Gengis Khan: dalle capre del cashmere in Tibet ai laboratori lariani di Saldarini,dove i loro vellivengono trasformati nelle imbottiture più pregiate ed ecologiche.

 

MARCO RAMBALDI.

Già vincitore del Green Carpet Award 2018, Marco Rambaldi su richiesta di Saldarini, sperimenta la sua creatività intergender, applicata ai grandi classici del brand.

Sui Maxi cappotti con lunga linea a trapezio si innestano velluti impunturati a rombi, sete maculate, lane inglesi e preziosi panni di cashmere.

Nella ricerca di nuove fibre, il velluto da rocciatore a righe larghe color ocra, profila a contrasto materico e cromatico, i nuovi parka a rombi imbottiti blu elettrico.Mentre,la ricerca di nuovi volumi si spinge sino alle maniche extra long. Ideali per sostituire i guanti e accompagnare il gesto dei giovani di coprirsi le mani col maglione. Da notare l’imbottitura in fiocchi di cashmere che fa capolino alle imbottiture, svelando l’anima preziosa dei capi.

 

UJOH: THE TOKYO CAPSULE.

Sei pezzi per coniugare nella Tokyo Capsule disegnata da Ujoh, il cashmereflakes di Saldarini con l’estetica giapponese più all’avanguardia. Il bomber ridisegnato,è allungato sino al ginocchio come un maxi cappotto unisex: un neologismo del guardaroba.Anche il parafreddo smanicato cambia volto e funzionalità: si allaccia/slaccia completamente lungo i fianchi. Mentre la schiena dei bomber si apre con una lunga zip.

Tanti i dettagli inediti: dalle tasche a cartella all’accenno di una codina sul piumino che in tal modo lo contamina col frac.

Suggello di questa sperimentazione, il maxi coat con la foto iper realista delle capre da cashmere e lo slogan“ Le nostre capre vivono in Mongolia, non le tosiamo ma le pettiniamo dolcemente”.