Il nuovo

concetto

di attualità

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Moda Tendenze
Pubblicato 02 Dicembre 2019
Stampa

Ugo Cilento, titolare della Maison Cilento 1780, ha scelto personalmente i soggetti da raffigurare sui pregiati tessuti, studiando con cura i dettagli di ogni locomotiva.

 

 

Le cinque immagini selezionate e presenti sia sulle cravatte sia sui foulard sono la Bayard, uno dei pezzi più famosi del Museo, riproduzione della locomotiva che il 3 ottobre del 1839 trainò il convoglio inaugurale della linea Napoli-Portici; la locomotiva a vapore FS 625; la prestigiosa automotrice termica (la“Littorina”); la ex carrozza reale; e la statua del re Ferdinando II di Borbone.

 

Uno dei sei foulardritrae nella parte centrale la panoramica del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa e, sui lati, alcuni oggetti simbolo della ferrovia come il cappello da ferroviere, il faro e la ruota della locomotiva.

 

Le cravatte, realizzate a mano nei laboratori di Napoli secondo le regole e le proporzioni dettate dalla grande esperienza partenopea di Cilento, rappresentano sulla pala principale i dettagli di ogni locomotiva.

 

La cravatta con la ex carrozza reale dà risalto alle sale interne decorate in oro zecchino, mentre il codino riporta il logo di FS, il modello della carrozza e la data di produzione. Le colorazioni sono state riprodotte fedelmente rispettando le tinte originali abbinate allo sfondo blu.

 

I foulard, in pura seta e nella classica misura 90x90, sembrano accompagnare chi li indossa all’interno del museo, facendo rivivere la bellezza e la forza delle locomotive di un tempo. Per i foulard si è scelto di rinunciare al total blu per dare spazio a una palettedi colori intensa che va dall’oro al rosso passando per il verde, per sottolineare il legame tra storia e moda.