Il nuovo

concetto

di attualità

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: Salute & Bellezza
Pubblicato 21 Novembre 2020
Stampa

 

Una buona skincare routine non può fare a meno dell’esfoliazione. Ma cosa significa esfoliare la pelle? Questa pratica di bellezza è un gesto indispensabile per eliminare uno strato superficiale fatto di cellule morte e impurità che ostruiscono i pori e accelerano l’ossidazione dei tessuti. Una buona esfoliazione aiuta ad ottenere un risultato omogeneo, perché le cellule superficiali dell’epidermide si rinnovano completamente ogni 28 giorni circa. Ma questo processo non avviene in modo uniforma perché sulla rigenerazione delle cellule incidono molti fattori come l’alimentazione, lo stile di vita, l’età e i prodotti cosmetici che si utilizzano. Per questo gli esfolianti viso sono pensati apposta per aiutare la pelle ad ottenere un risultato di esfoliazione omogenea.

“Se si utilizza regolarmente un buon esfoliante sul viso,” spiega Mara Alvaro, R&D skincare di HSA e blogger riconosciuta nel mondo beauty “i risultati si vedono. Il prodotto aiuta a rimuovere le cellule morte e favorisce una rigenerazione più rapida di nuove cellule cutanee. In più, gli esfolianti ravvivano il colorito, attenuano le macchie e migliorano nettamente la grana del viso. Questo serve anche per preparare la pelle ai trattamenti successivi, perché gli effetti saranno amplificati e i benefici moltiplicati.” 

 “Esistono due tipi di esfoliazione;” continua Mara Alvaro ”chimica o meccanica. La prima stimola il turn-over cellulare grazie all’azione di acidi esfolianti, come l’acido glicolico, l’acido salicilico e l’acido lattico. Mentre, quella meccanica riattiva la circolazione e rimuove le impurità grazie all’applicazione di prodotti con microsfere o scrub. I prodotti esfolianti vanno scelti con estrema attenzione, soprattutto nel caso di pelli delicate. Per una pelle mista-grassa e resistente si può scegliere un peeling tradizionale. Invece, per la pelle delicata è sempre meglio utilizzare una formulazione più leggera. Tutti gli esfolianti vanno usati su viso umido, meglio se alla sera. Per le pelli normali al massimo 2 volte a settimana, mentre per quelle delicate 1 volta ogni 10 giorni. Sicuramente, dopo l’esfoliazione bisogna dare sollievo alla pelle spalmando una buona crema idratante.”

“Per una esfoliazione delicata ma efficace,” continua Mara Alvaro “adatta anche alle pelli più sensibili, suggerisco due referenze di Guudcure: Peeling Mask della linea Pollution Free e Badtime Mask di Age Balance. Peeling Mask è una maschera esfoliante che sfrutta sia il principio meccanico (grazie alle microperle) sia quello chimico (grazie all’acido glicolico). L’esfoliazione è resa più dolce dal Pantenolo, un addolcente lenitivo. Mentre, la Zeolite e l’estratto di Crescione aggiungono un’azione purificante anti-inquinamento e un’azione antiossidante e anti-invecchiamento. Invece, Badtime Mask è una maschera da notte che rivitalizza la pelle grazie all’azione rigenerante dell’estratto di chlorella sorokiniana. Mentre, l’aggiunta di prebiotici e probiotici contribuisce a riequilibrare e mantenere la barriera protettiva, invece il burro di buriti e il burro di karitè agiscono come emollienti e nutrienti. Così buona e delicata che può essere applicata prima di andare a dormire, senza necessità di risciacquo e alla mattina la pelle sarà luminosa e rivitalizzata.”

I prodotti della linea Pollution Free di Guudcure sono disponibili sullo shop online shop.hsacosmetics.com"