Il nuovo

concetto

di attualità

Scritto da Gloria Giovanetti Categoria: sostegolose
Pubblicato 20 Aprile 2019
Stampa

L'Expo 2015 è stato sicuramente lo starter per fare di Milano una città sempre più internazionale e capace di investire sullo sviluppo delle proprie eccellenze, sulla tecnologia e sull’evoluzione dei propri settori cardine come la moda, il design e il food. Soprattutto il food. E anche dopo quattro anni, il goloso mondo del food del capoluogo lombardo è in pieno fermento proponendo, quasi quotidianamente, nuove aperture tanto che si può fare il giro delle tavole, se non di tutti i Paesi del mondo, almeno di 6 continenti. Per il momento rimane escluso l’Antartide, ma qualcuno potrebbe presto trovare una soluzione. Tutto questo anche se le statistiche dicono che gli italiani sono più legati alla cucina tradizionale, a casa come al ristorante. E i milanesi non fanno eccezione. Nonostante questo ampio ventaglio di proposte, però, non è semplice, neppure a Milano, trovare un ristorante che, come diceva Massimo Bottura il giorno dell’incoronazione a Best Restaurant in the Word, nel 2016, sappia guardare le tradizioni gastronomiche da un punto di vista critico e non nostalgico facendo della tradizione e dell'innovazione un mix perfetto per una cucina di qualità. Se desiderate regalarvi una serata di sapori genuini, tra l'Arco della Pace, punto nevralgico della movida meneghinae l'Arena Civica Gianni Brera, in via Carlo Maria Maggi, facilmente raggiungibile sia in auto sia con qualsiasi mezzo di superficie, da un paio di mesi, ha aperto La Madia Campagnola, unluogo magico dove gli ospiti sono deliziati con una cucina della tradizione piemonteseed in particolare quella dell’Alto Monferrato, del Roero e della Bassa Langa con estensione territoriale sino all’Appennino ed alle coste del Mare Ligure di Ponente.

Una cucina di terra e di mare, che segue i principi di stagionalità e il rispetto della natura, firmata da Alessandro e Paolo Bozzano, impreziosita da erbe e piante aromatiche del territorio in grado di accontentare ogni tipo di palato, dai più esigenti ai più golosi, sia grandi che piccini, ben presentata con porzioni giuste e curate.

Un ambiente elegante, caldo e accogliente, da "vivere" con la dolce metà, in famiglia, ma anche con gli amici, ricco di piante e fiori freschi, suddiviso in due sale, dove i tavoli, ben distanziati, assicurano la privacy e comode poltrone garantiscono un eccellente confort.

Vi consigliamo di provare il Flan di verdure con fonduta di formaggio di Malga, le Code di gamberi e Totanetti alla catalana con julienne di verdure, i Ravioli al ripieno di carne con ragù monferrino, i Gnocchetti di farina di castagne al pesto ligure,il Pollo alla cacciatora con polenta, la Costata di scottona all' antica in padella con verdure di stagione saltate, il Gamberoni flambati alla sanremese....... e concludete con i dolci, chiuderete sicuramente in bellezza!

Ad hoc per accompagnare le proposte culinarie, la carta dei vini ricca di interessanti realtà quali: Col di Sasso Banfi, Fiano Sannio D.O.P. cantine Solopaca, Langhe Nebbiolo Azienda Chiarlo, Nizza Doc Cipressi di Michele Chiarlo.

 

La Madia Campagnola, via Carlo Maria Maggi 6 Milano (vicino all’Arena)

Orari: 12 -15, 19.30 - 23. Chiuso sabato a pranzo e tutta domenica.

Prezzi 30€ circa, escluso bevande.

Tel: 02.83531378, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - sito in costruzione.

Seguici su ...